Zum Inhalt
Versione stampa

Curia Vista - Atti parlamentari

09.3185 – Interpellanza

Più musica svizzera alla SSR SRG idée suisse

Depositato da
Data del deposito
19.03.2009
Depositato in
Consiglio nazionale
Stato delle deliberazioni
Liquidato
 

Testo depositato

1. Il Consiglio federale è cosciente dell'importanza della SSR SRG idée suisse quale promotrice di musica svizzera?

2. Concorda il Consiglio federale sul fatto che la percentuale di musica svizzera passata alla radio influenza direttamente il reddito dei musicisti e dunque la loro produzione artistica?

3. È disposto il Consiglio federale a intervenire presso SSR SRG idée suisse per aumentare le percentuali di emissione di musica svizzera?

Motivazione

La musica è un importante elemento del patrimonio culturale di ogni Paese. Vista l'attuale crisi a livello di vendite discografiche, gli introiti per i musicisti sono pericolosamente in calo. Ciò causa una diminuzione della produzione artistica e un impoverimento della scena culturale. Le emissioni di musica svizzera sui canali radio SSR SRG idée suisse stagnano attorno al 12 a 14 per cento della musica trasmessa. Un aumento di questa percentuale permetterebbe di migliorare le opportunità professionali dei musicisti e la loro produzione, sia attraverso i proventi dei diritti (d'autore e d'interprete), sia attraverso la pubblicità che incrementa la vendita dei prodotti discografici (CD e download). Il bilancio dei pagamenti evidenzia che paghiamo 39,8 milioni di franchi all'estero, mentre ne riceviamo soltanto 14,4 milioni. Una maggior diffusione permetterebbe anche di pubblicizzare la musica svizzera all'estero. Da considerare infine che "la musica unisce i popoli e le culture" e che rappresenta uno strumento privilegiato per promuovere la coesione nazionale.

Percentuale di musica svizzera nelle emissioni della SSR (radio, rapporto SUISA 2007):

-SR DRS 1: 2007, 13,8 per cento; 2006, 16,4 per cento;

- SR DRS 2: 2007, 14,8 per cento; 2006, 13,8 per cento;

- SR DRS 3: 2007, 11,5 per cento; 2006, 10,3 per cento;

- RSR La 1ère: 2007, 8,7 per cento; 2006, 9,1 per cento;

- RSR Espace 2: 2007, 12,9 per cento, 2006, 11,3 per cento;

- RSR Couleur 3: 2007, 14,6 per cento; 2006, 12,7 per cento;

- RSI Rete 1: 2007, 4,8 per cento; 2006, 2,7 per cento;

- RSI Rete 2: 2007, 6,5 per cento; 2006, 4,7 per cento;

- RSI Rete 3: 2007, 6,7 per cento; 200, 5,7 per cento.

Risposta del Consiglio federale del 20.05.2009

1.-3. Il Consiglio federale è pienamente consapevole dell'importanza della presenza della musica svizzera nelle reti radiofoniche della SSR e della promozione della cultura svizzera che ne deriva. Nell'articolo 2 capoverso 6 lettera e della concessione rilasciata all'emittente il 28 novembre 2007, il Consiglio federale obbliga, infatti, la SSR a fornire il suo servizio pubblico anche sulla base di una stretta collaborazione con la branca musicale svizzera. All'articolo 18 della stessa concessione obbliga espressamente l'emittente a regolare tale collaborazione tramite un accordo. Se non è concluso alcun accordo, il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) può emanare disposizioni (inclusa l'imposizione di quote) a carico della SSR.

Al momento né il Consiglio federale né il DATEC ritengono necessario intervenire. La collaborazione tra la SSR e la branca musicale è attualmente regolata da una carta firmata il 14 maggio 2004 da rappresentanti dei musicisti e dei cantanti, dei produttori discografici e della SSR. Con questo accordo si persegue l'obiettivo comune di dare maggiore spazio alla musica svizzera sulle reti radiofoniche dell'emittente nazionale e di promuovere la musica del nostro Paese non attraverso una rigida attribuzione di quote bensì un partenariato costruttivo. Tanto l'ambiente musicale quanto la SSR giudicano positiva e soddisfacente l'attuale collaborazione.

Il Consiglio federale ha preso atto del fatto che a partire dalla firma della suddetta carta l'offerta di musica svizzera nelle reti radiofoniche della SSR è aumentata. Stando alle informazioni fornite dai partner firmatari della carta, nella Svizzera tedesca la quota di musica svizzera nei programmi radiofonici della SSR (DRS1, DRS2, DRS3, Virus, Musikwelle) è cresciuta negli ultimi cinque anni del 2,6 per cento, raggiungendo il 21,9 per cento; nella Svizzera romanda (La première, Espace 2, Couleur 3, Option Musique) del 5,3 per cento, raggiungendo il 16,7 per cento; in Ticino (Rete 1, Rete 2, Rete 3) l'aumento è stato più modesto, tuttavia si registra una quota pari al 10,9 per cento.

Dall'esame della situazione degli ultimi cinque anni emergono chiare differenze tra una regione linguistica e l'altra. Tale situazione dipende non da ultimo dall'offerta musicale dei rispettivi mercati regionali e dallo specifico orientamento tematico di alcune reti radiofoniche (musicali). Non deve pertanto sorprendere, ad esempio, il fatto che nella Svizzera tedesca la stazione di musica popolare Musikwelle trasmetta per circa il 40 per cento produzioni nazionali.

 
 

Cronologia / verbali

Data Consiglio  
12.06.2009CNLiquidato.
 
 

Soggetti (in tedesco):

Aiuto

Ergänzende Erschliessung:

2831;34

Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte