Zum Inhalt
Versione stampa

Curia Vista - Atti parlamentari

09.3812 – Mozione

Regolazione delle popolazioni di lupi e predatori

Depositato da
Data del deposito
23.09.2009
Depositato in
Consiglio nazionale
Stato attuale
Liquidato
 

Testo depositato

Per regolare le popolazioni dei predatori protetti, in particolare quelle dei lupi, il Consiglio federale è incaricato di modificare come segue l'ordinanza del 29 febbraio 1988 sulla caccia:

Articolo 4 capoverso 1 Regolazione degli effettivi di specie protette

Previa approvazione dell'UFAM, i cantoni possono prendere provvedimenti temporanei per la regolazione delle specie animali protette se:

a. nuocciono al proprio biotopo;

b. mettono in pericolo la diversità delle specie;

c. causano danni ingenti alla foresta e alle colture;

d. mettono gravemente in pericolo le persone;

e. propagano epizoozie;

f. causano danni ingenti agli animali domestici e da reddito;

g. ostacolano un utilizzo venatorio adeguato della fauna selvatica.

Motivazione

I conflitti tra allevatori di animali di piccola taglia e agricoltori da un lato e i predatori dall'altro sono sotto gli occhi di tutti. In particolare la presenza del lupo si sta trasformando in un problema immenso. Malgrado le misure di protezione adottate, i danni subiti dagli animali da reddito (in primo luogo dalle pecore) e dalla fauna selvatica sono in continuo aumento. La sempre più diffusa presenza del lupo in un'area montana troppo ristretta implica il rischio che scompaiano specie di animali da reddito minacciate d'estinzione (ad es. le pecore dal naso nero).

Sinora ogni tentativo di stralciare il lupo dall'elenco delle specie protette (Convenzione di Berna) è fallito e non è quindi possibile cacciare il lupo. Nonostante causi danni notevoli uccidendo e attaccando numerosi animali, le autorità possono autorizzare singoli abbattimenti soltanto in casi eccezionali.

Le misure di protezione adottate sinora e i singoli abbattimenti effettuati sono ormai insufficienti per prevenire danni importanti, soprattutto di fronte agli sviluppi degli ultimi mesi che indicano la formazione di un branco anche in Svizzera.

Occorre pertanto una regolazione delle popolazioni, necessaria anche per salvaguardare l'equilibrio delle popolazioni di animali selvatici e per prevenire un calo eccessivo della fauna selvatica (ad es. caprioli e camosci).

La modifica dell'ordinanza proposta intende conferire ai cantoni la competenza di regolare, con l'accordo dell'UFAM, le popolazioni dei predatori (ad es. lupo, lince e orso) quando questi causano danni ingenti agli animali domestici e da reddito o ostacolano un utilizzo venatorio adeguato della fauna selvatica.

Si intende infine ampliare la competenza dei cantoni in materia di regolazione per consentire l'adozione in tempi rapidi e senza intralci burocratici di misure di regolazione nell'ambito del margine di manovra concesso dalla Convenzione di Berna.

Parere del Consiglio federale del 04.11.2009

In questi ultimi anni, i grandi predatori come la lince e il lupo hanno trovato nel nostro Paese spazi vitali sempre più ampi e arricchiscono la diversità biologica. L'aumento della loro consistenza numerica crea tuttavia conflitti sia con gli agricoltori, a seguito dei danni provocati agli animali da reddito, che con i cacciatori, a causa del calo delle popolazioni della fauna selvatica registrato in alcune regioni. L'equilibrio di queste ultime popolazioni, menzionato dall'autore della mozione, dipende da diversi fattori. Ciò nonostante, in un paesaggio rurale come quello svizzero è indispensabile stabilire un rapporto equilibrato fra protezione e utilizzazione. Di conseguenza, nel dicembre 2008 il DATEC ha conferito all'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) il mandato di proporre, nell'ambito del margine di manovra concesso dalla Convenzione di Berna, una revisione parziale dell'ordinanza sulla caccia (OCP; RS 922.01). Quanto proposto dalla mozione può essere tenuto in ampia considerazione nell'ambito della prevista modifica parziale dell'OCP.

Proposta del Consiglio federale del 04.11.2009

Il Consiglio federale propone di accogliere la mozione.

 
 

Cronologia / verbali

DataConsiglio 
11.12.2009 CN Opposizione; discussione differita.
30.09.2010 CN Adozione.
16.03.2011 CS Adozione.
10.06.2013 CS Stralcio dal ruolo.
Nel contesto della trattazione dell’affare 13.006
12.06.2013 CN Stralcio dal ruolo.
Nel contesto della trattazione dell’affare 13.006
 
 
 
Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte