Zum Inhalt
Versione stampa

Curia Vista - Atti parlamentari

12.3435 – Mozione

Riduzione dei premi. Parità di trattamento tra i beneficiari di prestazioni complementari e il resto della popolazione

Depositato da
Data del deposito
06.06.2012
Depositato in
Consiglio degli Stati
Stato delle deliberazioni
Liquidato
 

Testo depositato

Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento, per deliberazione, una modifica della legge federale del 6 ottobre 2006 sulle prestazioni complementari all'assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità (LPC; RS 831.30, art. 10 cpv. 3 lett. d) che conferisca ai cantoni la facoltà di fissare nella propria legislazione un importo forfettario per i beneficiari di prestazioni complementari (PC) diverso dal premio medio cantonale o regionale.

Motivazione

Conformemente all'articolo 10 capoverso 3 lettera d LPC, ai beneficiari di PC è riconosciuto come spesa annuale per l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie un importo forfettario pari al premio medio cantonale o regionale (compresa la copertura infortuni). Questo significa che i cantoni sono tenuti a versare l'importo sotto forma di riduzione individuale dei premi (RIP) o PC.

Sono invece più liberi nell'impostazione della RIP per il resto della popolazione. Nella maggior parte dei cantoni, per chi non beneficia di PC è riconosciuto un importo massimo (premio di riferimento) inferiore al premio medio cantonale o regionale. A volte questo importo è inoltre limitato dal premio effettivamente dovuto. La LPC non prevede limiti di questo tipo: per i beneficiari di PC è quindi senz'altro possibile scegliere il modello assicurativo in modo che il premio dovuto sia inferiore all'importo forfettario medio rimborsato, realizzando così un guadagno a scapito delle PC.

Si crea così una disparità di trattamento tra chi percepisce PC e chi invece non ne beneficia. Senza contare che i primi possono fare valere spese di partecipazione ai costi (franchigia e aliquota percentuale) fino a 1000 franchi l'anno.

I cantoni ritengono inoltre aberrante che la LPC e la pertinente ordinanza prescrivano loro quanto devono rimborsare ai beneficiari di PC per il premio dell'assicurazione malattie senza che la Confederazione partecipi ai costi nell'ambito delle prestazioni complementari.

Nei cantoni con premi di riferimento divergenti dai premi medi, per i beneficiari di PC vale dunque un premio di riferimento diverso da quello vigente per i beneficiari della RIP e, a seconda dei casi, i primi potrebbero addirittura ottenere più di quanto abbiano bisogno per coprire le spese per l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Oltre a ciò, in caso di necessità hanno diritto a prestazioni complementari aggiuntive per la partecipazione ai costi.

Con la modifica della LPC proposta si intende far sì che i cantoni possano trattare alla stessa maniera i beneficiari di PC e il resto della popolazione nel quadro della riduzione individuale dei premi. Oltre alla parità di trattamento occorre tuttavia impedire che si possano realizzare guadagni grazie alla riduzione dei premi.

Parere del Consiglio federale del 29.08.2012

Scopo della riduzione individuale dei premi (RIP) è garantire che il costo dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie ai sensi della legge federale sull'assicurazione malattie rimanga abbordabile per gli assicurati di modeste condizioni economiche. Le prestazioni complementari all'assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità (PC), invece, sono intese a innalzare il reddito insufficiente dei beneficiari di rendite in maniera tale da coprire il loro fabbisogno vitale.

Gli importi forfettari applicati alle spese riconosciute nell'ambito delle PC, come ad esempio i premi medi per l'assicurazione malattie, contribuiscono a semplificare le procedure amministrative e a uniformare la disciplina. Gli importi forfettari per l'assicurazione malattie nell'ambito delle PC vengono oggi adeguati automaticamente ogni anno. Accettando la mozione rimborsando un premio di riferimento, ma al massimo fino a concorrenza del premio effettivo, significherebbe invece dover chiedere ogni anno la polizza assicurativa di circa 287 000 beneficiari di PC e adeguare manualmente l'importo delle PC di ciascuno di loro: un onere amministrativo notevole, i cui costi potrebbero superare in maniera sproporzionata i risparmi attesi.

Nel quadro dell'adempimento del postulato Humbel 12.3602, "Riforma delle prestazioni complementari all'AVS e all'AI", il Consiglio federale intende tra l'altro svolgere un'analisi approfondita del bisogno di riformare le PC e sottoporre a una verifica globale possibili strumenti di ottimizzazione. Sarà così studiato in un contesto più ampio anche il tema del computo dei premi dell'assicurazione malattie nell'ambito delle PC in collegamento con la RIP. Il Consiglio federale è pertanto dell'avviso che non sia opportuno affrontare singole misure di riforma in maniera isolata già al momento attuale.

Proposta del Consiglio federale del 29.08.2012

Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.

 
 

Cronologia / verbali

Data Consiglio  
26.09.2012CSReiezione.
 
 
Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte