Una concomitanza emozionante ha accompagnato la mia elezione a presidente del Consiglio nazionale nella sessione invernale 2021: essa ha infatti coinciso con il cinquantesimo anniversario dell’entrata delle donne nel Parlamento federale. Hedi Lang-Gehri, Martha Ribi-Raschle, Josi Meier, Elisabeth Blunschy-Steiner, Lilian Uchtenhagen, Liselotte Spreng, Hanny Thalmann, Gabrielle Nanchen, Tilo Frey, Nelly Wicky, Hanna Sahlfeld-Singer: tutti gli alunni del nostro Paese dovrebbero conoscere i nomi di queste donne pioniere.

Dovremmo ricordarci anche del fatto che Gabrielle Nanchen e Hanna Sahlfeld-Singer hanno lasciato anzitempo la carica politica a causa dell’impossibilità di conciliarla con la vita familiare. Ho deciso di continuare il loro impegno quando ho saputo di aspettare un figlio simultaneamente alla mia elezione al Parlamento federale. Suscitavo scalpore poiché portavo mio figlio neonato al Palazzo e lo allattavo nella Sala dei passi perduti per non mancare le votazioni nel Consiglio e poter così svolgere appieno la mia funzione politica.

Un merito particolare spetta all’iniziativa di Marina Carobbio e Isabelle Moret – le due prime madrine della pagina Donne politiche – che ha portato alla creazione di una sala per l’allattamento e le cure dei neonati nel Palazzo del Parlamento. Ma molto deve ancora essere fatto affinché i giovani genitori, e soprattutto le giovani madri, possano sentirsi a proprio agio sotto la Cupola.

La pagina Donne politiche vuole incoraggiare le donne a lanciarsi nella politica e mi auguro che possa testimoniare di nuove misure volte a conciliare impegno politico e responsabilità educative e familiari.

Mi auguro anche che la pandemia possa attenuarsi quest’anno e che sarà possibile festeggiare in modo adeguato la Giornata internazionale dei diritti delle donne e sottolineare così il ruolo delle donne nella democrazia svizzera.

Video del discorso inaugurale della presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin

Temi delle Donne Politiche