Il Parlamento, con il sostegno dei servizi parlamentari, ospiterà la seconda sessione delle donne il 29 e 30 ottobre 2021. 246 donne provenienti da tutte le regioni linguistiche si riuniranno nella sala del Consiglio nazionale per discutere delle misure volte a realizzare la parità tra donne e uomini, del sistema pensionistico, della violenza sulle donne e sulle bambine e del lavoro di cura o di assistenza a terzi. Al termine di queste due giornate un catalogo di rivendicazioni sarà consegnato ai membri dell’Assemblea federale. La sessione è organizzata da «alleanza F», dalla Commissione federale per le questioni femminili, dalle Donne protestanti in Svizzera, dall’Unione svizzera delle donne contadine e rurali, dall’associazione mantello delle organizzazioni femminili di beneficenza e dall’Unione svizzera delle donne cattoliche.

Per saperne di più (soltanto in francese e tedesco): ALLIANCEF

Le partecipanti alla Seconda Sessione delle Donne sono elette democraticamente. Poiché sono invitate le consigliere nazionali e consigliere agli Stati, ci saranno tra i 100 e i 180 posti, dei 246 del Consiglio Nazionale, da aggiudicare. Per garantire un'equa rappresentanza di tutte le lingue e regioni della Svizzera, le candidate devono essere assegnate ad un distretto elettorale e avere almeno 16 anni il 29 ottobre 2021. Possono presentarsi alle elezioni tutte le donne indipendentemente dalla loro cittadinanza o dal loro stato di residenza. Anche le donne svizzere all'estero sono benvenute.

Le candidature sono aperte dal 6 aprile 2021 al 7 maggio 2021. Le elezioni si svolgeranno dal 14 al 31 maggio. Dopo l'elezione, le candidate elette potranno partecipare ad una delle dieci commissioni, per esempio la Commissione sulla violenza contro le donne o la Commissione sull'uguaglianza nel lavoro e nelle pensioni. Informazione (soltanto in francese e tedesco):  fr.alliancef.ch/sessiondesfemmes