Per la prima volta nella sua storia, l’Assemblea federale ha eletto in un solo colpo due donne in Consiglio federale. La consigliera nazionale democristiana Viola Amherd (VS) e la consigliera agli Stati radicale Karin Keller-Sutter (SG) sono addirittura state elette al primo turno. La responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, Simonetta Sommaruga, ha invece ottenuto brillantemente la vice-presidenza in seno al Governo.


Superando di gran lunga la maggioranza assoluta fissata a 119 voti, Karin Keller-Sutter ha ottenuto 154 voti contro i 56 del suo avversario Hans Wicky (NW). Viola Amherd ha ottenuto 148 voti contro i 60 raccolti da Heidi Z’graggen (UR), la seconda candidata ufficiale del gruppo parlamentare PPD.

Prima donna liberale radicale a entrare in Governo dopo Elisabeth Kopp, Karin Keller-Sutter si è detta profondamente affascinata dalla sua nuova funzione. Viola Amherd ha sottolineato da parte sua che eserciterà il suo mandato con «umiltà e sincerità». Entrambe hanno invitato i membri del Governo e del Parlamento a unire le forze superando le divisioni di partito per affrontare le sfide cui la Svizzera è chiamata a far fronte. Le neoelette concordano nell’affermare che l’elezione di due donne costituisca un passo verso «la normalità».


Anche la consigliera federale Doris Leuthard era stata eletta al primo turno nel 2006 ma in quanto candidata unica del suo partito. Congedandosi dal Consiglio federale, la responsabile del DATEC ha ricordato l’importanza della concordanza, del consenso, del compromesso, che a loro volta presuppongono il rispetto del punto di vista dell’altro.


Dopo aver ottenuto il diritto di voto e di elezione nel 1971, le donne hanno dovuto attendere tredici anni prima di essere rappresentate in Consiglio federale da Elisabeth Kopp, eletta il 2 ottobre 1984. Nel 2010 il Consiglio federale contava quattro donne: la presidente della Confederazione Doris Leuthard, Micheline Calmy-Rey (2003-2011), Eveline Widmer-Schlumpf (2007-2015) e la neoeletta Simonetta Sommaruga. Dopo le dimissioni di Micheline Calmy-Rey (2003-2011) e di Eveline Widmer-Schlumpf (2007-2015) erano stati però eletti due candidati maschili. Con Ruth Dreifuss (1993-2002) e Ruth Metzler-Arnold (1999-2003) sono finora nove le donne che hanno fatto parte del Governo dello Stato federale.