L’Assemblea federale plenaria è competente per l’elezione dei giudici dei tribunali della Confederazione (Tribunale federale, Tribunale penale federale, Tribunale amministrativo federale, Tribunale federale dei brevetti, Tribunale militare di cassazione), del procuratore generale della Confederazione e dei suoi sostituti così come dell’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione.

La Commissione giudiziaria è stata designata per la preparazione dei tali elezioni.

Giudici presso il Tribunale amministrativo federale

In vista del rinnovo integrale del Tribunale amministrativo federale (TAF) per il periodo amministrativo 2019–2024, la Commissione giudiziaria mette a concorso 7 posti di giudice dal 60 al 100%.
Due giudici di lingua principale francese lavoreranno rispettivamente per la Corte I (Camera 2: diritto tributario, assistenza amministrativa in materia fiscale, previdenza professionale) e per la Corte V (diritto in materia di asilo).
Cinque giudici di lingua principale tedesca saranno integrati nelle Corti I (Camera 2: diritto tributario, assistenza amministrativa in materia fiscale, previdenza professionale), II (questioni economiche, della concorrenza e della formazione: diritto della concorrenza, mercati pubblici, vigilanza sui mercati finanziari) IV e V (diritto in materia di asilo).

Requisiti: formazione giuridica completa con preferibilmente patente di avvocato. Esperienza professionale pluriennale, di preferenza presso un tribunale cantonale, come avvocato o nell’amministrazione pubblica; conoscenze approfondite ed esperienza nel diritto amministrativo, in particolare nei settori delle Corti citate. Metodologia di lavoro efficiente e rapida, doti decisionali, capacità di lavorare in gruppo ed elevate competenze sociali.
Ottima padronanza scritta e orale della lingua tedesca o francese, buone conoscenze attive di una seconda lingua ufficiale e, possibilmente, conoscenze passive di una terza lingua ufficiale. Per la Corte I, sono inoltre necessarie solide conoscenze dell’inglese.

La Commissione giudiziaria provvede a garantire che le varie forze politiche siano equamente rappresentate in seno ai tribunali federali. Nel Tribunale amministrativo federale risultano al momento sottorappresentati l’UDC, il PS e il PPD.

L’Assemblea federale plenaria procederà all’elezione nel corso della sessione primaverile 2018.

Tasso di occupazione: 60–100%
Luogo di servizio: San Gallo
Entrata in servizio: 1° giugno 2018 (Corti II e IV, per ciascuna Corte un posto) e 1° dicembre 2018
Retribuzione: classe di stipendio 33 (secondo l'età; dettagli su richiesta)

Per maggiori informazioni relative al TAF consultare il sito in Internet: www.bvger.ch/index.html?lang=it

Vogliate inviare la vostra candidatura corredata di curriculum vitae, copie dei diplomi e degli attestati di lavoro, indicazione delle referenze (di cui almeno due professionali), elenco delle pubblicazioni, estratti dell’ufficio esecuzione e del casellario giudiziale, nonché una fototessera entro l’11 dicembre 2017 all’indirizzo seguente:

Segreteria della Commissione giudiziaria, Palazzo del Parlamento, 3003 Berna

Informazioni:
Jean-Paul Gschwind, consigliere nazionale, vicepresidente della Commissione giudiziaria,
tel. 079 667 77 31
Anne Dieu, segretaria della Commissione giudiziaria, tel. 058 322 94 26

Due giudici non di carriera presso il Tribunale federale (30 a 50%)

La Commissione giudiziaria dell’Assemblea federale plenaria mette a concorso due posti di giudice non di carriera. I giudici non di carriera elaborano relazioni e contribuiscono alla stesura delle sentenze del Tribunale federale. Sono impiegati secondo una formula flessibile e non lavorano nei locali del Tribunale federale. Il concorso è aperto a giuristi qualificati, preferibilmente specializzati in diritto penale. Il posto esige grande disponibilità e flessibilità. La lingua principale per un posto è il francese e per l’altro il tedesco. Sono inoltre richieste buone conoscenze attive di una seconda lingua ufficiale ed è auspicata la conoscenza passiva di una terza lingua ufficiale.

L’Assemblea federale plenaria procederà alla nomina nel corso della sessione primaverile 2018.
La Commissione giudiziaria mira a garantire un’equa rappresentanza delle varie forze politiche in seno ai tribunali della Confederazione. Attualmente, per quel che riguarda i posti di giudice non di carriera, sono sottorappresentati i seguenti partiti: UDC, I Verdi, PBD e PPD.

Per maggiori informazioni consultare il sito del Tribunale federale all’indirizzo http://www.bger.ch/it/index.htm

La candidatura, corredata di curriculum vitae, copie dei diplomi e degli attestati di lavoro, referenze (di cui almeno due professionali), elenco delle pubblicazioni, estratto dell’ufficio esecuzioni e fallimenti e del casellario giudiziale e una fototessera, deve essere inviata entro l’11 dicembre 2017 alla Commissione giudiziaria dell’Assemblea federale.

Indirizzo: Segreteria della Commissione giudiziaria, Palazzo del Parlamento, 3003 Berna.

Elezione di un avvocato quale nuovo membro dell’autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione

Nella sessione primaverile 2018 l’Assemblea federale plenaria eleggerà un nuovo membro dell’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

Conformemente a quanto previsto nell’articolo 23 della legge sull’organizzazione delle autorità penali (LOAP; RS 173.71), l’AV-MPC conta sette membri e si compone di un/a giudice del Tribunale federale, di un/a giudice del Tribunale penale federale, di due avvocati iscritti in un registro cantonale degli avvocati e di tre specialisti che non facciano parte di un Tribunale della Confederazione né siano iscritti in un registro cantonale degli avvocati. Il nuovo membro da eleggere deve essere un avvocato iscritto in un registro cantonale degli avvocati.

Il nuovo membro dell’AV-MPC deve disporre di una comprovata esperienza pratica nell’ambito del perseguimento penale. È parimenti auspicabile un’esperienza in un’autorità di vigilanza. Nel quadro dei lavori preparatori, la Commissione giudiziaria (CG) conferirà un’importanza prioritaria alle qualifiche e all’idoneità delle persone interessate. L’appartenenza politica sarà invece del tutto irrilevante nella selezione delle candidature. Tenuto conto dell’organizzazione e del funzionamento dell’AV-MPC, è importante che i candidati dispongano di buone conoscenze di una seconda lingua ufficiale (in particolare del francese per i candidati della Svizzera tedesca, del tedesco per i romandi e del tedesco o del francese per i candidati della Svizzera italiana).

I membri dell’AV-MPC non possono svolgere alcun’altra funzione al servizio della Confederazione. Se sono iscritti in un registro cantonale degli avvocati non possono esercitare il patrocinio dinanzi alle autorità penali della Confederazione.

Siccome l’età massima dei candidati è fissata a 70 anni la CG considera quale titolo preferenziale il fatto che il nuovo membro dell’AV-MPC possa esercitare la sua attività per più anni prima di dover rassegnare le dimissioni per ragioni di età.

I compiti dell’AV-MPC sono definiti dalla LOAP. I particolari sono disciplinati nell’ordinanza dell’Assemblea federale sull’organizzazione e i compiti dell’autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (RS 173.712.24). L’onere lavorativo per ogni membro dell’AV-MPC si aggira sui 10–20 giorni all’anno.

La partecipazione a sedute e ispezioni è indennizzata con una diaria pari a 1300 franchi per i lavoratori indipendenti e a 1000 franchi per i lavoratori salariati.

Le persone interessate possono candidarsi inviando, entro l’8 dicembre 2017 alla Commissione giudiziaria dell’Assemblea federale plenaria, il proprio curriculum vitae con l’indicazione delle referenze (di cui almeno due in ambito professionale), un estratto del casellario giudiziale e del registro delle esecuzioni.

Indirizzo: Segreteria della Commissione giudiziaria, Palazzo del Parlamento, 3003 Berna.

Informazioni importanti per i potenziali candidati

Per l'elezione alla carica di giudice di un tribunale della Confederazione e per l'elezione a procuratore generale della Confederazione o a sostituto procuratore generale della Confederazione è necessaria la cittadinanza svizzera (cfr. art. 143 Cost.; art. 5 cpv. 2 LTF; art. 20 cpv. 1bis e art. 42 cpv. 2 LOAP; art. 5 cpv. 2 LTAF; art. 9 cpv. 2 LTFB).

La Commissione giudiziaria, oltre a valutare l'idoneità professionale e personale dei candidati, bada anche a garantire che le varie forze politiche siano equamente rappresentate in seno ai tribunali della Confederazione (l'appartenenza partitica è nondimeno irrilevante nel caso del Ministero pubblico della Confederazione, dell'Autorità di vigilanza e del Tribunale dei brevetti).

La Commissione giudiziaria mira inoltre ad assicurare un'equa rappresentanza dei sessi nei tribunali della Confederazione.