​Basi legali

La delegazione parlamentare svizzera presso dall’APF ha la sua base legale nell’Ordinanza dell’Assemblea federale sulle relazioni internazionali del Parlamento (ORInt) del 28 settembre 2012 (Stato 1° ottobre 2012) (RS 171.117).

 

Metodo di lavoro della delegazione

La sezione svizzera partecipa a tutte le attività dell'Assemblea parlamentare della francofonia (APF), sia alle sessioni plenarie, alle riunioni d'ufficio e delle commissioni, sia ad azioni condotte allo scopo di rafforzare le istituzioni democratiche nell'area francofona, quali missioni di osservazione delle operazioni elettorali o la partecipazione ai seminari parlamentari. 

Parallelamente, la sezione svizzera conduce attività proprie. Sollecita parimenti incontri bilaterali con altre sezioni dell'APF. 

Infine la delegazione mantiene stretti rapporti con il Servizio Francofonia del Dipartimento federale degli affari esteri.

 

Composizione della delegazione

Conformemente all’articolo 6 capoverso 1 lettera d nell’Ordinanza sulle relazioni internazionali (ORInt) (RS 171.117), la delegazione permanente presso l’APF si compone di tre membri del Consiglio nazionale e di due membri del Consiglio degli Stati. Tre membri del Consiglio nazionale e tre membri del Consiglio degli Stati vengono inoltre designati come membri supplenti. Logicamente la delegazione è composta soltanto di parlamentari di lingua francese. 

La delegazione è costituita di dieci membri allo scopo rappresentare tutte le forze politiche romande e di assicurare una partecipazione svizzera a tutte le attività dell'APF. Le riunioni dell'APF non sempre sono fissate con largo anticipo e i termini di iscrizione e per la loro preparazione sono spesso assai brevi. Per far fronte a tutte le situazioni, la delegazione dev'essere numerosa.