Prestazioni del CPA

  • Il CPA realizza valutazioni nell’ambito dell’alta vigilanza parlamentare su mandato delle Commissioni della gestione (CdG) del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati.
  • Segnala alle CdG questioni che sarebbe opportuno esaminare sotto il profilo dell’alta vigilanza parlamentare.
  • Verifica, su mandato delle CdG, la qualità delle valutazioni realizzate in seno all’amministrazione e l'utilizzazione delle stesse nei processi decisionali.
  • Il CPA assiste le commissioni parlamentari nella formulazione dei mandati di valutazione e fornisce loro consulenza riguardo all'utilizzazione politica dei risultati delle valutazioni.
  • Esamina, su incarico delle commissioni parlamentari, l'efficacia delle misure prese dalla Confederazione.

 

 

Basi legali e contesto istituzionale del CPA

​Al fine di rafforzare l’alta vigilanza parlamentare, nel 1990 l’Assemblea federale ha deciso di istituire il CPA, un servizio professionale, che pianifica e esegue valutazioni su incarico delle commissioni parlamentari. Il CPA opera principalmente su incarico della CdG e in questo dispone di estesi diritti di informazione (cfr. articolo 10 dell’Ordinanza sull’amministrazione parlamentare in combinato disposto con gli articoli 67, 153 e 156 della Legge sul Parlamento):

  • il CPA ha il diritto di corrispondere direttamente con tutte le autorità, servizi ufficiali e altri titolari di compiti federali, nonché di ottenere da essi qualsiasi documento e informazione utile ai suoi lavori;
  • il segreto d’ufficio non può essergli opposto;
  • il CPA può far capo a periti esterni all’Amministrazione e conferire loro i diritti necessari.


Integrato nei Servizi del Parlamento, il CPA è aggregato amministrativamente alla Segreteria delle CdG.

Il CPA svolge la sua attività scientifica in modo autonomo. Lavora in base ai singoli mandati conferitigli dalle commissioni parlamentari. Si ispira agli standard della Società svizzera di valutazione (SEVAL) e delle società internazionali specializzate in questo settore. Coordina le sue attività con quelle degli altri organi di controllo della Confederazione e intrattiene contatti con le università, gli istituti di ricerca privati e gli organi di valutazione pubblici svizzeri o esteri.